logo STUDIO DI CONSULENZA ITALO - FRANCESE
Traduzioni, Consulenza e Assistenza in atti di successione e donazione in Francia
Famiglia
Compravendita
 Acquistare casa
  - Principi generali
  - Preliminare
  - Atto notarile
 Vendere casa
  - Principi generali
  - Diagnostica
  - Mutui
  - Plusvalenza immobiliare
 Obblighi Tributari
  - Tassazione UNICO 2014
  - Crediti d’Imposta UNICO 2014
  - T.U.I.R. art. 67-70-90-165
Gestione
Imposte
Plusvalenza immobiliare in Francia    

DAL 1° GENNAIO 2019 RIDUZIONE DEI PRELEVAMENTI SOCIALI DAL 17,20% AL 7,50% SULLE PLUSAVENZE IN FRANCIA.


Aggiornamento del 03 aprile 2020

Dal 1° gennaio 2019 I NON RESIDENTI fiscalmente in Francia e aderenti ad un regime di sicurezza sociale in seno allo Spazio economico europeo ed in Svizzera, sono esentati dalla Contribution Sociale Généralisée (CSG) e dalla Contribution au Remboursement de la Dette Sociale (CRDS) sui redditi locativi e sulle plusvalenze immobiliari di origine francese. In sostituzione è stato istituito il Prelievo di Solidarietà sui redditi da patrimonio e sui prodotti d'investimento il cui tasso è fissato al 7,50%. (LOI n. 2018-1203 du 22 dècembre 2018 de financement de la sécurité sociale pour 2019).

I residenti al di fuori dello Spazio economico europeo e Svizzera che non rientrano in questa esenzione continuano ad essere soggetti ai prelievi sociali (CSG, CRDS), al tasso del 17,2% sui redditi da locazione che percepiscono dal 1° gennaio 2018 e sulle plusvalenze da essi realizzate dal 1° gennaio 2019.

Per memoria, il 1° gennaio 2018 l'aliquota è era stata aumentata di quasi due punti passando dal 15,50% al 17,20%
Al fine di mantenere il gettito percepito dai prélèvements sociaux sui redditi patrimoniali dei non-residenti nello stato e bypassare la sentenza della Corte di Giustizia Europea "de Ruyter" , la legge di finanziamanto della "sécurité sociale" del 2016 nel suo articolo 24, aveva modificato l’affettazione dei citati prelevamenti sociali a favore di prestazioni non contributive

Fino a quella data i prelevamenti sociali erano destinati agli Istituti pensionistici generali. Dopo la riforma furono invece orientati verso " prestations non contributives " e collegati verso fondi di solildarietà quali FSV, CADES, CNSA.

Calcolo della plusvalenza dal 1° Gennaio 2019
Il 10 Settembre 2019 è venduto un appartamento al prezzo di 200.000 €, acquistato il 30 Giugno 2009 al prezzo di 100.000 € (dieci anni di detenzione).

Punto primo  -    calcolare il prezzo di rivendita rivalutato, sommando:

  -   Prezzo di acquisto = 100.000 €;

  -   Spese d’acquisto (spese notarili, commissione di agenzia) per il loro importo reale (se fatturate) oppure in modo forfetario pari al 7,5% sul prezzo d’acquisto = 7.500 €;

  -   Lavori di manutenzione, giustificati da fattura o, in assenza di giustificativo, per un importo forfetario del 15% del prezzo d’acquisto (possesso del bene da più di 5 anni) = 15.000 €;

(100.000 + 7.500 + 15.000) = 122.500 € prezzo di acquisto rivalutato

Punto secondo  -    calcolo della plusvalenza imponibile.

  -   Prezzo di vendita 200.000 €;

  -   Prezzo di acquisto rivalutato 122.500 €;

(200.000   -   122.500) = 77.500 € plusvalenza maturata

Sulla plusvalenza maturata si effettua una detrazione del 6% per ogni anno di possesso del bene oltre il quinto anno e fino al ventunesimo.
Nel caso specifico:
6% x 5 anni = 30% di riduzione, ovvero (77.500 x 6% x 5) = 23.250
(77.500 - 23.250) = 54.250 € Montante Plusvalenza Imponibile

Per il calcolo dell'Imposta del Contributo di Solidarietà si effettua una detrazione del 1,65% per ogni anno di possesso del bene oltre il 5° anno e fino al 22° e del 9% dal 23° al 30°.
Nel caso specifico:
1,65 % x 5 anni = 8,25 % di riduzione, ovvero (77.500 x 8,25%) = 6.394

(77.500 - 6.394)= 71.106 € Importo sottoposto al Contributo di Solidarietà

IMPOSTA:
  -   PLUSVALENZA DA LIQUIDARE AL 19 % (54.250 x 19%) = 10.307 €

  -   CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ DA LIQUIDARE AL 7,50 % (71.106 x 7,50%) = 5.333 € €

TOTALE COMPLESSIVO DA LIQUIDARE 15.640 €

"DAL 1°  GENNAIO 2015 NON È PIÙ NECESSARIO IL RICORSO AL RAPPRESENTANTE FISCALE"

La plusvalenza è calcolata e liquidata dal notaio che scorpora dal prezzo di vendita l’importo dell’imposta da pagare. La dichiazione tramite il formulario M 2048, viene firmata dal venditore alla stipula dell’atto notarile.

Esenzioni:

  -   Le vendite effettuate dopo trenta anni di possesso;
  -   La vendita della residenza principale;
  -   Le vendite inferiori a 15.000 € (ad esclusione delle quote di SCI);
  -   Le vendite per alcune categorie di pensionati o invalidi;
  -   Le vendite effettuate ad Associazioni che destinano l’immobile ad uso sociale (case popolari o affitti agevolati);

Ad esclusione dei casi di esenzione sopra citati, la plusvalenza viene generata calcolando la differenza tra il prezzo d’acquisto ed il prezzo di realizzo. Se la somma è positiva al netto delle possibili deduzioni, si è prodotta una plusvalenza.

A.R.

Trattato bilaterale
Italia  -   Francia


A.R.

Convenzione Italia  -   Francia
L. 14 dicembre 1994, n.708



Modifica al calendario fiscale in Francia a seguito epidemia Covid-19.
Le scadenze previste al 14 e 19 maggio 2020 sono state così differite:
- 12 Giugno 2020
Termine ultimo presentazione Déclaration de Revenus cartacea ed eventuale dichiarazione IFI (Imposta sulla Fortuna Immobiliare)

- 04 giugno 2020
Termine ultimo presentazione Déclaration de Revenus telematica ed eventuale dichiarazione IFI (Imposta sulla Fortuna Immobiliare)


- 15 Ottobre
Taxe Foncière
- 15 Dicembre
Taxe d’Habitation


Le informazioni contenute sulle pagine web del sito sono di carattere pubblico e d’informazione generale. Non costituiscono in alcun caso un parere o una consulenza professionale o giuridica.