logo STUDIO DI CONSULENZA ITALO - FRANCESE
Traduzioni, Consulenza e Assistenza in atti di successione e donazione in Francia
Famiglia
Compravendita
Gestione
Imposte
 Imposte Generali
  - Sul reddito
  - Sulla fortuna (ISF)
  - T.V.A.
 Imposte Locali
  - Taxe d’habitation
  - Taxe foncière
  - Abbonamento TV
 I "NON RESIDENTI"
  - Regime fiscale
  - Ufficio dei non residenti
  - Locazione settimanale
Taxe Foncière  

TAXE FONCIERE IN FRANCIA

Tutte le costruzioni fisse in Francia sono imponibili sulle proprietà edificate della Taxe Foncière. E’ imponibile il proprietario dell’immobile, occupante o meno i locali.

La tassa sulla proprietà varia da regione a regione, per cui identiche proprietà possono essere soggette a diversa tassazione se situate in due località differenti.

La base d’imposta è costituita dalla rendita catastale uguale al 50% del valore locatizio catastale fissato dalla Pubblica Amministrazione. L’importo della tassa si ottiene moltiplicando la base d’imposta per il tasso di imposizione in vigore.

In casi di vendita dell’immobile la Taxe Foncière può essere divisa "pro-rata" in partecipazione con l’acquirente (es. se si acquista un bene il 01 agosto 2007 si potrà richiedere all’acquirente i 5/12 dell’importo della Taxe Foncière, che dovrà essere liquidata al 15 ottobre 2007 dal vecchio proprietario nella sua integralità, in quanto allo stesso sarà intimata).

La Taxe Foncière viene notificata dal Trésor Public al domicilio dichiarato in atto dall’acquirente e deve essere pagata entro il 15 Ottobre di ogni anno; il pagamento può essere eseguito con assegno bancario, a mezzo T.I.P. (Titre Interbancaire de Payement) o aderire con il R.I.B. (Réleve d’Identite Bancaire) al prelevamento mensile direttamente sul conto corrente bancario francese, senza ulteriori incombenze (come avviene per le bollette in Italia). Da quest’anno é possibile pagare via Internet, collegandosi sul sito delle Imposte Francesi: "Telepaiement" inserendo il proprio numero fiscale e fornendo le proprie referenze bancarie. Non é un pagamento con carta di credito.
Se il bene è concesso in locazione, occorre effettuare la dichiarazione di tali redditi in Francia, su un apposito formulario, entro il 31/3 dell’anno successivo (le modalità compilative sono molto semplici e dopo il primo anno arriva a casa un formulario già pre-compilato)

Esistono diversi casi di esenzione e di sgravio della Taxe Foncière. Alcuni sono temporanei, altri permanenti, ma tutti si applicano in casi ben precisi.

Non sono tassati:
 - Gli edifici rurali ad uso agricolo o gli alloggi modesti situati nei D.O.M. ( Domini d’Oltre Mare);
 - I locali che ospitano un’associazione di mutilati di guerra o sul lavoro o locali riconosciuti di pubblica utilità;

Le esenzioni totali:
Le persone che hanno compiuto 75 anni al 1º gennaio dell’anno di imposizione o che percepiscono assegno d’indennità AAH (Indennita riservata agli adulti affetti da Handicap), sono esonerate dal pagamento della TF sulla residenza principale se le Imposte fiscali di riferimento iscritte nell’avviso d’imposizione, non superano la soglia di 10.024 euro per la prima del parte del quoziente famigliare, oltre la possibilità di aggiungere a detto importo, 2.676 euro per ogni parte supplementare fino alla terza e 1.338 euro per la quarta parte supplementare.
Se si rientra in questi parametri e l’esonerazione non viene applicata d’ufficio, occorre scrivere alla tesoreria cui dipende l’abitazione e chiedere lo sgravio dell’avviso d’imposizione dell’anno in corso e l’esonero e per gli anni a venire.
I beneficiari dell’esenzione devono abitare soli o con il coniuge, sia con persone a carico che non superino il limite massimo di risorse sopra indicato sia con altre persone titolari di assegni familiari.

I beneficiari dello sgravio d’ufficio - Le persone con oltre 65 anni al 1º gennaio dell’anno di imposizione che rispondano agli stessi requisiti reddituali e di occupazione richiesti nel caso dell’esenzione, beneficiano dello sgravio d’ufficio di 100 euro.

Le esenzioni temporanee delle nuove costruzioni - Le nuove costruzioni, ristrutturazioni, ampliamenti e cambi di destinazione di locali ad uso abitazione, sono esenti dalla Taxe Foncière per 2 anni.
Per beneficiare dell’esenzione occorre fare una dichiarazione al Centro delle Imposte entro 90 giorni dalla fine dei lavori (achèvement des travaux). L’esenzione si applica indipendentemente dall’uso del bene immobile (abitazione principale, secondaria, costruzione commerciale, industriale, artigianale o professionale).

L’esenzione degli alloggi sociali -  Un’esenzione a lungo termine si applica alle costruzioni nuove di alloggi sociali destinati alla residenza principale degli occupanti.
Questa condizione di esenzione avviene quando l’immobile diventa la residenza principale del contribuente prima del 1º gennaio del 3º anno che segue quello della fine dei lavori. L’esenzione inizia a partire dal 1º gennaio dell’anno seguente la dichiarazione di fine lavori e può avere una durata variabile di 10, 15 anni o 20 anni.

Gli sgravi temporanei degli alloggi "vacants" (sfitti) - Possono essere sgravati della Taxe Foncière nel caso in cui l’alloggio destinato alla locazione resta sfitto. Questo sgravio è vincolato da diverse condizioni; la mancanza di affittuari deve essere indipendente dalla volontà del locatore, durare almeno 3 mesi consecutivi e riguardare l’integralità della proprietà. Quindi se si affitta il garage senza l’alloggio da cui dipende si pagherà la Taxe Foncière. Altra particolarità, lo sgravio è accordato soltanto per il periodo durante il quale l’alloggio è rimasto sfitto. Per una vacanza di 4 mesi l’esenzione corrisponderà dunque ai 4/12 della Taxe Foncière.

Le esenzioni sui terreni non costruiti
Le esenzioni permanenti più correnti:
 - alcune proprietà pubbliche (strade nazionali, cammini dipartimentali, ecc.).
 - i terreni o il suolo suscettibili della Taxe Foncière sulle proprietà edificate. Si tratta per esempio del terreno residuale del fabbricato (parcheggio in un condominio);
 - i terreni che appartengono ad alcune associazioni (associazioni di mutilati di guerra o di lavoro, organismi di case famiglia).

Infine, solo i terreni recentemente seminati, piantati o ripiantati in alberi, beneficiano di una esenzione temporanea. Si applica per i primi trent’anni dalla semina, dalla piantagione o del reimpianto.

A.R.

Trattato bilaterale
Italia - Francia


A.R.

Convenzione Italia - Francia
L. 14 dicembre 1994, n.708


Principali Scadenze!!!
- 18 e 23 Maggio 2017
Termine Déclaration de Revenus
- 30 Luglio
Déclaration Impôt Solidarité et Fortune
- 15 Ottobre
Taxe Foncière
- 15 Dicembre
Taxe d’Habitation